.
Annunci online

 
IlSimposioDegliSchiavi 
Qui nessuno è servo o padrone, siamo tutti dolcemente schiavi dei nostri sogni
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Il Vecchio Blog
Il Dottore dei Pazzi
Medici senza Dentiere
Le mie creazioni
  cerca



Io Conosco poeti che spostano i fiumi con il pensiero
e naviganti infiniti che sanno parlare con il cielo




E tu vuoi viaggiarle insieme,
vuoi viaggiarle insieme ciecamente




Il colore è un mezzo per esercitare sull'anima un influenza diretta.
Il colore è un tasto, l'occhio il martelletto che lo colpisce, l'anima lo strumento dalle mille corde.





Mi dicevano il matto perchè prendevo la vita da giullare, da pazzo, con una allegria infinita. D'altra parte è assai meglio in questa tragedia ridersi addosso, non piangere e mutarla in commedia.









Tutto, laggiù, è ordine e beltà
lusso, calma e voluttà.




Vorrei essere il verbo "Credere" e non deluderti mai




Una banana è per sempre!


 

Diario |
 
Diario
62948visite.

20 marzo 2007

Il Blu e il Verde



C'è una linea perfetta che cammina fra il verde e il blu. Perfetta non perchè taglia o fende, ma perchè abbraccia il colore, morbidamente, come la veglia di un bambino in estate.
E ogni filo d'erba è abbracciato più di un qualsiasi mare che abbraccia le sue onde, e c'è un soffice pendio di orizzonti mescolati, di quando non hai voglia di camminare perchè il cielo si muove troppo lentamente e col vibrare di un movimento potresti affondarci dentro.
Il blu algido e crudo, si spoglia delle sue lame fredde e veste dell'umilta del profondo, tiepido come il tempo fermo.
Non c'è il sole. Si è sbriciolato di colpo come sabbia fulgida e con un morso di velluto ha aggiogato i fianchi dei campi in un talamo di sfumature illibate.
L'immensita è povera, quasi un mendicante che sorride. E qua e la, per caso, senza volerlo, senza neppure accorgersene, c'è il denso sospiro di una nuvola, che striscia in dolci spire di latte. Innocuo come il presagio di un tramonto troppo lontano.

E' qui che ho visto smarrirsi l'infinito.
L'ho visto rincorrere qualcosa in un gioco puerile.
L'ho visto adagiarsi sui confini della cornice e assorbirli in se come fossero di seplice rugiada.
E seguendo il suo gioco fortunatamente non riesco più a ritrovarmi...

                                                                                        Vincent e Fizzi




permalink | inviato da il 20/3/2007 alle 1:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio        aprile